Pavimento in Legno: Guida alle Caratteristiche da Conoscere | Woodco
Pavimento in Legno: Guida alle Caratteristiche da Conoscere | Woodco
57510
consigli_page-template-default,single,single-consigli_page,postid-57510,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.5,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive

Consigli sul ParquetTrova Rivenditore

Woodco Pavimento in legno: cosa sapere prima di acquistarlo cover

Pavimento in legno: cosa sapere prima di acquistarlo

Ora che il dado è tratto e hai deciso di installare un pavimento in legno a casa o in ufficio è bene forse ritornare sulle caratteristiche che, in sede di scelta del parquet, possono fare la differenza. Il primo aspetto cui prestare attenzione è la tipologia delle tavole, in legno massello oppure in prefinito.

Certo, come abbiamo ricordato anche in un altro articolo, quelle in legno massello o tradizionale sono considerate qualitativamente più durevoli, perché ricavate da un blocco unico di legno nobile, mentre quelle in prefinito sono costituite da un solo strato da tre-quattro millimetri di legno nobile su uno o due strati di altro materiale legnoso (7-15 millimetri).

Ma devi considerare che la posa del prefinito – flottante o incollata – è tendenzialmente più economica e aperta a una più ampia varietà di stili e geometrie. Un parquet in prefinito è già calpestabile dopo due o tre giorni; un altro in massello può richiedere anche più settimane.

Woodco Pavimento in legno: cosa sapere prima di acquistarlo 01

Come preservare il parquet in prefinito

Se inoltre i tuoi dubbi riguardano la tenuta del parquet nel tempo, allora è bene che tu sappia che il massello va lamato e lucidato a 10-15 anni al massimo dall’installazione; il prefinito anche dopo 25 anni. E questo perché i prefiniti di nuova generazione sono trattati in partenza con vernici od olii che li preservano dall’azione degli agenti atmosferici o chimici e dal calpestio. Nella gamma Woodco validi esempi vengono dalle collezioni Dream e Slim.

Naturalezza, il valore aggiunto del pavimento in legno

Se hai preferito il legno ad altri materiali, per pavimentare il tuo ambiente, è certamente perché ne apprezzi la resa e l’impatto estetico. Il legno offre però vantaggi ulteriori in termini di assorbimento dei suoni o rumori e di isolamento termico: per questo è usato sin dall’antichità a copertura sia del suolo sia delle pareti. Protegge dall’umidità eccessiva ed è ecologico, poiché riciclabile e riutilizzabile per altri scopi. Ed è un evergreen che conserva nel tempo intatte le doti di eleganza, accoglienza e comfort.

La sostenibile delicatezza del parquet

Non c’è dubbio che un pavimento in legno sia per definizione anche una superficie delicata. Per esempio, l’esposizione ai raggi solari o all’aria e l’effetto degli anni e l’usura lo assoggettano al fenomeno dell’ossidazione. Questo fa sì che alcune varietà di legno si scuriscano – il noce, acero, iroko e doussiè delle gamme – e altre assumano tinte più chiare. Ti abbiamo illustrato in altri articoli quali misure adottare per fare fronte a simili piccoli quanto inevitabili intoppi. Ma è altrettanto vero che attorno alla delicatezza dei pavimenti in legno si è generato qualche pregiudizio ingiustificato.

Woodco Pavimento in legno: cosa sapere prima di acquistarlo 02

Parquet per bagni, cucine e anche da esterno

A patto di rispettare alcune indicazioni i parquet possono comportarsi ottimamente poi anche in bagno o in cucina. I prefiniti, meglio se verniciati e non oliati e posati nei periodi più freddi dell’anno, sono in questo caso i più indicati; le essenze consigliate per la resistenza all’acqua e per la duratura elasticità sono l’intramontabile rovere, ma anche doussiè, iroko e teak.
Per vivere la bellezza del legno anche in esterno inoltre, la collezione Externo di Woodco, una gamma di pavimentazioni per luoghi all’aperto realizzata interamente in materiale composito ecosostenibile a base di farine di legno e polietilene riciclato a elevata densità, ha dimostrato di trovarsi a suo agio non solo outdoor, ma più precisamente a bordo piscina, senza alcun timore di schizzi e pozze.

Il pavimento in legno: un’idea per l’ufficio

Tornando brevemente sulle prerogative fonoassorbenti del parquet, è chiaro che queste possono risultare particolarmente gradite ai professionisti in cerca di una soluzione d’effetto per i loro uffici. Il valore aggiunto risiede qui nella versatilità del materiale e nella varietà di un’offerta come quella di Woodco. Il rovere di Dream va a braccetto con gli stili urban e minimal e nelle sue varianti grigie e tortora ha il pregio di conferire alle stanze una superiore ariosità. Le famiglie Dream, Slim e Signature sono anche ricche di colorazioni più scure e classiche se prediligi ambienti più ispirati alla tradizione.

La posa vuole la sua parte

Prima di acquistare e installare un parquet ti suggeriamo infine di riflettere sulla metodologia di posa e sul disegno finale delle tavole. La posa flottante, senza collanti, va particolarmente d’accordo con le ristrutturazioni parziali o integrali e con gli affitti. Essenziale è però che fra le tavole e il pavimento preesistente sia poggiato un apposito materassino isolante, anche per evitare i rumori da calpestio; e che vengano utilizzati in modo conforme gli appositi giunti di dilatazione.

Per quel che riguarda la posa, quella nel senso verticale offre un’impressione di maggiore ampiezza degli ambienti, donando loro respiro e un’idea di spaziosità. Le forme a spina di pesce si abbinano per lo più alle tonalità chiare garantendo un tocco in più di movimento e calore; mentre le più austere quadrotte affascinano con la loro eleganza senza tempo.

Woodco Pavimento in legno: cosa sapere prima di acquistarlo 03

Un parquet da trattar bene

Qualche parola, per terminare, sui trattamenti e le finiture. Se cerchi una superficie perfettamente liscia il consiglio è dirigerti sui parquet levigati; la spazzolatura accentua le fiammature e sfumature di colore e la sabbiatura dà alla posa un che di vissuto, adatto agli stilemi più country. Quanto ai trattamenti, il parquet può essere verniciato, così da renderne la pulizia più semplice aumentandone al contempo la resistenza allo sporco.

Le vernici a base-acqua, oggi di diffuso utilizzo, sono tendenzialmente opache e danno al pavimento un aspetto più naturale, in contrasto con quello lucido che era più in voga in passato. Per quanto infine richiedano una pulizia e una cura più frequenti, i parquet oliati hanno il vantaggio di conservare tutta la vivacità e il calore originari.