Parquet sulle pareti? Perché no!? | Woodco
Parquet sulle pareti? Perché no!? | Woodco
56540
consigli_page-template-default,single,single-consigli_page,postid-56540,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.5,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

Consigli sul ParquetTrova Rivenditore

Cover_parquet sulle pareti

La versatilità del parquet, dal pavimento alle pareti

Il parquet ha alle spalle una lunga storia, che ti abbiamo raccontato in un precedente post, dove i rivestimenti in legno sono stati utilizzati sin dall’antichità per la protezione degli ambienti dagli effetti del clima e dell’umidità o, ancora, dalla presenza dei parassiti e insetti.
Le tavole hanno trovato perciò spazio sia a terra, come pavimentazione appunto, sia alle pareti, dove col loro uso si può dar vita a giochi estetici affascinanti, in accostamento con altri elementi in legno, ma anche con le piastrelle e con gli inserti decorativi in pietra o in mattoni.

Tu chiamala, se vuoi, boiserie

Il rivestimento per pareti in legno può essere indicato anche con il termine di boiserie tratto dal francese «bois» che significa «legno».
Può andare a coprire la superficie interessata interamente o solo in parte, ed essere elegantemente posizionato, per esempio, come spalliera del letto o dietro a un divano. Ancora, può essere applicato al soffitto, contribuendo a dare alle stanze un tocco decisamente rustico e una sensazione di avvolgente calore.

Parquet, rivestimento in legno per pareti e…Scegli il tuo accostamento

In combinazione con materiali diversi – ceramica o cotto, pietra o cemento – il rivestimento per parete in legno permette di giocare coi contrasti e far sì che le stanze di casa assumano un look più moderno, certamente originale. Abbiamo parlato di casa, ma in realtà la versatilità del materiale e le ampie possibilità di scelta rendono il connubio fra parquet-a-pavimento e parquet-a-parete adatto anche per gli uffici.
Il segreto è tutto nel giocare con gli abbinamenti, affiancando pavimenti con finiture extra-opache come il rovere, teak e noce della collezione Dream con tavole bianche o in tonalità chiara, come, ad esempio il grigio o tortora.

In verticale o in orizzontale: trova il tuo effetto-parquet

E come sempre, poi, molto dell’impatto visivo dipende dalla posa e dall’orientamento che vorrai dare al tuo parquet e poi, in particolare, al tuo rivestimento a parete, in sede di posa.
È chiaro infatti che le tavole orientate in senso verticale esaltano le caratteristiche di altezza degli ambienti; posate in senso orizzontale ne valorizzano l’ampiezza o assicurano un’impressione di maggior spaziosità.
Infine, mentre le varianti cromatiche scure, anche a parete, sono quasi sinonimo di uno stile classico e austero, caldo e accogliente, quelle più tenui come il rovere e, in particolare il noce di Woodco Signature possono essere applicati con successo e indifferentemente sia a interni moderni sia a quelli rustici e country.

 

Guarda la nostra gallery dedicata a pareti interamente rivestite di parquet!